French aerialist Philippe Petit crosses a steel cable between the Twin Towers

Philippe Petit è un particolare funambolo francese, è rimasto nella storia per aver compiuto un impresa che ha dell’incredibile, Il 7 agosto 1974 compie la sua esibizione più famosa: la traversata delle Twin Towers senza rete di protezione , la performance  di per sè è già fuori dai canoni e dai controlli sia per l’altezza , ben 400 metri , che per la modalità , Philippe insieme ad altri 3 amici montarono il cavo nella totale illegalità , eludendo la sorveglianza, nel cuore della notte infatti dopo vennero arrestati.

Un bellissimo documentario ne spiega nei dettagli come sia riuscito questo eccentrico funambolo in questa prova sicuramente oltre il limite umano, il film è di James Marsh, Man on Wire, prodotto dalla BBC nel 2008 e vincitore dell’Oscar come miglior documentario, in cui sono ricostruite due importanti performance sul filo: Notre Dame de Paris (1971) e il sopraccitato World Trade Center (1974) ( consigliato ! ).

Quando succedono eventi di questa portata è difficile intuire la concentrazione e la volontà che anima un uomo ma il risultato è quello della pura poesia non letteraria che dialoga con dio e che fa avvicinare l’umanità ad un grado superiore di consapevolezza dei propri limiti.

In conclusione tutti saremo d ‘accordo che camminare su un filo sospeso a 400 metri dal suolo con solo una lunga asta per l’equilibrio con 3 amici come sostegno per 45 minuti ( infatti come si può vedere dalle foto Philippe ha avuto tutto il tempo di sedersi, sdraiarsi a ammirare il cielo oppure dialogare con un gabbiano)  , ha dell’incredibile , non capita spesso, quindi merita la nostra attenzione perché dovremmo avere un po’ tutti un pizzico di volontà come l’ha avuta Philippe Petit .

Ieni Alexandra

man-on-wire

French aerialist Philippe Petit crosses a steel cable between the Twin Towers manonwire1

ON TOP OF THE WORLD

Write a critique

Write