9787034_orig

Enrico Robusti, nato nel 1957 a Parma dove tutt’ora risiede, può essere considerato il pittore italiano al quale più si adatta il termine contemporaneo, a metà tra l’illustrazione, la caricatura e la pittura del 900 tedesco, piega la prospettiva a suo piacimento non per deformare indistintamente copri e facce ma, per elaborare una nuova forma di vita senziente che dal suo primo sguardo ti mostra quello che realmente l’anima sua ti nasconde.

Pezzi di vita quotidiana, famiglie a tavola mentre mangiano spaghetti, irriverenti ballerini e facoltosi buongustai, traditi dallo sguardo impietoso dello spettatore che non vuole vederli nella loro naturale forma, quasi fossero movimenti falsi e impacciati, ma vuole divertirsi con le loro contorsioni, le facce verdognole e cogliere la lontananza delle forme controllata con la caricatura, come circo per gli occhi. Probabilmente il più veritiero sguardo verso quel bestiario umano che è la società di oggi.

La cosa che sa fare meglio è la faraona arrostita al ginepro, si è laureato in Giurisprudenza ed è stato il ritrattista ufficiale delle famiglie imprenditoriali italiane fino al 2000, anno in cui decide di dedicarsi alla pittura sociale, vorrebbe vivere mentalmente nella città ideale del Laurana ( dipinto esposto nella reggia di Urbino ).

Ieni Alexandra

Write a critique

Write